Ciao, per interagire con noi registrati o accedi al forum. Se vuoi rimanere aggiornato

Avatar utente
Messaggio Da dibilele
#326392 ** Qua parleremo dei debiti che ha Cinecittà World con le piccole e medie imprese che hanno lavorato per la costruzione del parco divertimenti** Hermy

Costruiscono il Parco e non vengono pagati: lavoratori in protesta davanti a “Cinecittà World”

Immagine

Manifestano in modo pacifico e dignitoso. Ma in gioco c’è il loro futuro professionale e personale, quantificato in due milioni di euro. È questa, infatti, la cifra totale per la quale da una settimana i lavoratori di una dodici piccole società manifestano davanti all’entrata del parco tematico Cinecittà World. Cifra che corrisponde al saldo delle fatture emesse per i lavori eseguiti per la costruzione del parco stesso, e mai saldate. La vicenda è abbastanza ingarbugliata, o meglio “nebulosa”, e per capirla bisogna tornare indietro di qualche tempo, quando la “Cinecittà World Srl”, società che gestisce il parco, assegna i lavori di realizzazione e costruzione del parco alla “ICUN Spa” che, invece di effettuarli direttamente, si rivolge a diverse piccole e medie aziende a cui li affida in subappalto. I lavori vengono eseguiti e, grazie ad essi, a luglio del 2014 il Parco apre al pubblico. Ma, a distanza di quasi un anno dall’inaugurazione del Parco, nessuno ha pagato le ditte che hanno effettuato i lavori. Dopo aver pazientemente atteso per circa 9 mesi, i titolari delle società coinvolte riescono ad incontrare i responsabili della Cinecittà World Srl, che li rassicura: in virtù della responsabilità solidale, sembra che la Cinecittà World si impegni a saldare il debito delle ICUN Spa alle aziende subappaltatrici attraverso un sistema di compensazione, in quanto la Cinecittà World avrebbe un debito di circa 12 milioni di euro con la ICUN Spa. Da notare che la ICUN Spa è una società compartecipata al 10% della proprietà del Parco: in pratica, ci sono loro stessi all’interno. Ma, se a parole tutto sembra risolto, nei fatti le cose vanno diversamente: ad oggi nessuna delle ditte subappaltatrici ha visto un soldo. “Visto che i mesi passavano inutilmente, ci siamo rivolti nuovamente alla Cinecittà World Srl – raccontano i manifestanti – ma stavolta ci hanno comunicato che i 12 milioni di debito nei confronti della ICUN Spa non ci sono più e che pertanto dobbiamo vedercela direttamente con loro. Ci chiediamo che fine abbiano fatto questi soldi e perché non siamo stati pagati da nessuno”. Infatti, in questi mesi i vertici della ICUN Spa sono cambiati e il timore dei lavoratori che la società venga messa in liquidazione, rendendo così praticamente impossibile il pagamento delle fatture. Le piccole imprese coinvolte in questo pasticcio sono diverse ed alcune hanno crediti davvero rilevanti, come la Paolacci Srl, che vanta un credito di 1 milione e 200 mila euro, la Linestone Srl, a cui sono dovuti 450 mila euro, o la Ace Costruzioni con 327 mila euro. Ma poi ci sono anche la FB Costruzioni e la Alba System, entrambe con fatture scoperte per 200 mila euro e tante altre ditte a cui sono dovuti importi inferiori ai 100 mila euro, che sono comunque sempre tantissimi per chi ha lavorato – impegnando soldi per il materiale e per pagare i dipendenti – e non è stato poi compensato per quanto fatto e che stanno mettendo in crisi tutte le società coinvolte. Per questo è stato deciso di iniziare la protesta, mettendo striscioni inequivocabili e ben visibili ai visitatori del parco e aprendo una pagina su Facebook dal titolo esplicativo: “Cinecittà World truffatori”. Una pagina dove sono state postate le foto della manifestazione, al momento autorizzata dalla questura fino a venerdì. “Ma ci stiamo già organizzando per richiedere la prosecuzione del presidio”, spiegano i manifestanti. Il week end è infatti il periodo in cui il numero dei visitatori aumenta e i lavoratori vogliono rendere nota la vicenda il più possibile.

Fonte: http://www.ilcorrieredellacitta.com/cro ... world.html
Messaggio Da warhol_84
#326397 Strano che a roma un parco con mire fantastiche e con un budget relativamente alto sia, all'atto pratico, ridimensionato in tutto. E' successo a Magicland. E' successo a Cinecittàworld. Siamo proprio sicuri che questi ridimensionamenti siano per mancanza di budget? Io propendo più per la risposta: Il budget se lo sono magnato con la pasta co le cotiche. Mai che si riesca a fare un'opera civile e funzionale nella capitale d'Italia. Peccato.
Messaggio Da Vespe
#326422 Eccola qua l'italietta imprenditoriale...scatole cinesi su scatole cinesi....

coraggio a questi piccoli imprenditori che hanno alle spalle dipendenti da pagare e famiglie da sfamare.
e con il futuro parco acquatico di rainbow? mi vien da ridere allora.

appalti, su sub appalti di appalti, non ci si capisce più chi deve pagare cosa, creano aziende fittizie, le fanno fallire, e loro sono con il culo coperto.
e chi ci rimettono? le piccole aziende...
ora, non serve a nulla fare tavole rotonde con gout, ma passare alle vie legali e denunciare la cinecittàworld spa, che poi fallirà, ma essendo in italia, paese di lestofanti e ladri, questa cosa non accadrà mai....

che schifo.
Avatar utente
Messaggio Da peppe2994
#326436 Per quanto triste il tuo discorso è da incorniciare.
Questa è una delle tante, anzi infinite situazioni frutto della mentalità ladra di questo paese.
Ogni legge a misura di truffa. Ogni problema serio mai affrontato.
Da quando non si approva qualche legge sull'evasione e sulla tutela delle imprese?
Il sistema appalti poi, studiato a tavolino per far guadagnare tutti ed arrecare disagi a questa strana entità chiamata stato.
Un'impresa fallisce e misteriosamente non deve rimborsare nessuno, anzi va a finire che lo stato gli versa pure soldi.

La situazione qui è leggermente diversa però. Sempre a che fare con il come si paga e come si è disposti ad accettare pagamenti pur di lavorare. Finché le cose vanno bene ok, ma quando vanno male le grandi imprese con le squadre di avvocati diventano sempre più grandi e potenti, le altre finisce come in foto.


Sicuramente risolveranno, ma dove deve andare un paese dove questo modus operandi è la prassi?

warhol_84 ha scritto:Strano che a roma un parco con mire fantastiche e con un budget relativamente alto sia, all'atto pratico, ridimensionato in tutto. E' successo a Magicland. E' successo a Cinecittàworld. Siamo proprio sicuri che questi ridimensionamenti siano per mancanza di budget? Io propendo più per la risposta: Il budget se lo sono magnato con la pasta co le cotiche. Mai che si riesca a fare un'opera civile e funzionale nella capitale d'Italia. Peccato.


Non credo sai. Più che altro sono soldi interamente privati e sarà valso il motto minima spesa massima resa. Peccato che parliamo di parchi e questo ragionamento non funziona. Ci vuole un investimento da mezzo miliardo minimo. Senza cose wow la gente non si muove da casa. La Alfa Park non aveva esperienze ma ha trovato un giusto compromesso. CCW sembra più un capriccio di qualcuno, perché nel 2015 è così miope pensare di guadagnare offrendo sapete benissimo quanto poco hanno sotto tutti i profili.
Allora perché l'hanno costruito? Non ci credo che nessuno gli ha detto qualcosa tipo, guardate che così non andrete da nessuna parte, a meno che il parco non è stato costruito per altri scopi...
Avatar utente
Messaggio Da Hermy
#326449 Allora le cose stanno cosi ad oggi:

- spariti articoli che ne parlano e che ne hanno parlato
- sparito il gruppo
- sparita la persona con cui ero in contatto che mi ha dapprima dato disponibilità dopodiché al mio segnalare la sparizione degli articoli si è mostrata sgomenta e infine si è volatilizzata.

Le ipotesi:
1) hanno detto che pagheranno se la smettono di far casini
2) han messo di mezzo minacce di querela
3) quello che potete immaginare voi ...
Avatar utente
Messaggio Da peppe2994
#326546 Bisognerebbe capire se è tutto autorizzato come gli articoli spariti riportavano.

Hermy ha scritto:La tua ultima frase è il pensiero un po di tutti che emerge in realtà da più parti che non hanno nemmeno contatti tra loro... :roll:

Ecco vedi, le cose sono così evidenti.

Vorrei gentilmente augurargli di fallire, anche se prima di lanciare sentenze, con cautela sarebbe da capire se il parco da o non da lavoro, perché sempre su Facebook e non solo,se ne è parlato tanto del come gestiscono i contratti a chiamata...
Avatar utente
Messaggio Da dibilele
#326551
peppe2994 ha scritto:Vorrei gentilmente augurargli di fallire, anche se prima di lanciare sentenze, con cautela sarebbe da capire se il parco da o non da lavoro, perché sempre su Facebook e non solo,se ne è parlato tanto del come gestiscono i contratti a chiamata...


Senz'altro di lavoro ne danno. In modo palesemente e drasticamente molto ridotto rispetto alla scorsa stagione, ma ne danno. Il problema è proprio il contratto a chiamata, senza visitatori non si lavora. E i visitatori non è che abbondino...