Ciao, per interagire con noi registrati o accedi al forum. Se vuoi rimanere aggiornato

Cinema, Musica, TV, Arte...e tutto ciò che rientra nell'intrattenimento culturale (e non)
Avatar utente
Messaggio Da Kaos
#190169
mari revenge ha scritto:pensa solo Kaos che l'anno in cui tu sei nato io mi sono diplomata, per l' esattezza il giorno prima che l'italia vincesse i mondiali dell' 82, potrei scrivervi un memoriale, ma tranquilli ve lo risparmio :wink:


Beh mari, se ti viene lo schizzo scrivi pure eh :wink:

Rollo?? rollo...e io che contavo su di te..ma dove sei finito!
ok, per riprendersi ci vuole un pezzo stupendo...come questo degli Ultravox 8)

Avatar utente
Messaggio Da rollo75
#190220 Rollo???Ma quel panzone era impegnato solo a mangiare durante le feste!Digestione lenta=poca voglia di scrivere! :lol: :lol:

Notare trucco e tacco del cantante:pazza!

Avatar utente
Messaggio Da rollo75
#190515 Blitz Kids generation

Immagine

Con il nome di blitz kids viene identificato quel movimento giovanile che nei primi anni '80 frequenta la discoteca Blitz situata in Great Queen Street(Covent Garden) a Londra culla del "New Romantic".Il club era noto per lo stile scandaloso di chi lo frequentava:abiti stravaganti e make-up pesante per entrambi i sessi.Sarà anche il luogo dove molti gruppi pop muoveranno i primi passi e più avanti conosceremo.
Il Blitz,da squallido winebar,viene trasformato da Steve Strange e Rusty Egan(dj resident) in una sorta di discoteca con annesso angolo dinner.L'arredamento è un misto di "decadenza europea anni '30 e immagini futuriste,la musica ha un qualcosa di robotico,ballabile,ma al tempo stesso diversa dai canoni dance conosciuti fino a questo momento.

La serata d'esordio del Blitz recita:"A club for Heroes,Bowie night" e si basa su alcuni dischi di avanguardia elettronica tipo gli Statunitensi Suicide o i tedeschi Kraftwerk o Daf con qualche puntatina anche nel glam-rock.Inutile dire che dopo le prime serate(la serata clou del club si svolge ogni martedì)le file all'entrata si allungheranno di settimana in settimana e Londra non sarà la sola perchè su tutto il territorio nazionale sarà un fiorire di locali-copia tipo il Barbarella di Birmingham.Come dicevo,l'immagine dei suoi avventori era assolutamente provocatoria;Boy George dichiarò che "ottenere una reazione era l'obbiettivo finale".
ImmagineBoy George
Bisogna spiegare che l'Inghilterra di quel periodo veniva da un particolare momento dal punto di vista politico:proteste,instabilità sociale e alle elezioni trionfa la famigerata "Lady di ferro" ovvero Margaret Thatcher.Per il paese è l'inizio di una nuova era fatta di tagli sociali,alla cultura e disoccupazione galoppante.Di rimbalzo,questa situazione,porta delle ripercussioni sulla scena artistica.La gioventù Britannica reagisce ai problemi,all'impoverimento e alle tensioni sociali con un surplus di stile,di espressione e di innovazione musicale.Simon Le Bon(Duran Duran)dichiara:"Penso che tutti fossero disperati,era tutto molto grigio e in quel momento la creazione di un nuovo movimento cultural-giovanile ci diede una boccata di ossigeno.Di sicuro aggiungemmo colore alla situazione".
ImmagineDuran Duran
Ma torniamo al Blitz è il locale popolato da esseri inusuali,androidi multicolori ed esagerati,dai tratti e dai vestiti androgini.Si sviluppa su due piani(ora non mi è data la conoscenza perfetta della planimetria),cè la zona bar,la zona cena,un picolo angolo per l'esibizione delle band,una consolle per dj ed infine una zona riservata ai divanetti.Non manca il guardaroba dove come addetto troviamo George Alan O'Down che da lì a poco troverà fortuna e diventerà il frontman dei Culture Club;ovviamente stò parlando di Boy George.All'entrata vige un rigoroso codice di selezione all'ingresso:è uno dei due fondatori(Steve Strange) che si mette alla porta.Vuole assolutamente far entrare solo "persone che si siano create un'identità unica" e soprattutto vengono quasi banditi gli over 25.Nega spesso l'entrata agli avventori che lui ritiene non abbiano "vestiti creativi" o insufficientemente "sovversivi".Il consumatore non doveva essere passivo,ma come recitava il nome della serata doveva essere "un eroe della serata"(rifacendosi chiaramente agli "eroi solo per un giorno" di David Bowie).Leggenda narra che Mick Jagger (Rolling Stone) sotto l'effetto di alcolici,fu rimbalzato all'entrata da Strange in persona in quanto non in linea con lo stile del locale(ovviamente il caso sollevò clamore e tanta pubblicità).Travestirsi per andare al Blitz è diventato un atto di affermazione;l'identità culturale è un grande sbocco per le frustrazioni della gente e i Blitz Kids spendono quel poco che gli rimane su tagli di capelli,trucco e abiti fai da te.Ecco che potevi ritrovarti in mezzo a crestoni post-punk fatti a cuneo,acconciature sparate in aria e coloratissime,persone dal look elegante-vampiresco(smoking,trucco anemico e vistosi cilindri in testa),ragazzi in completo intimo con calze bianche e ballerine,streghette cattive,ragazze dall'aria "puttanesca",demoni dall'aspetto metallico.Molto diffuse anche le FrillYFop,tipica camicetta in stile inglese romantico,per capirci quelle con gli svolazzi sulla line dei bottono e sui polsi.Alcuni adottano anche una serie di vesti di stile liturgico molto colorat,altri si dedicano alla rivisitazione di divise militari.Non mancano gli accessori e la bigiotteria naturalmente in perfetto stle new romantic.
Tra i Blitz Kids ovviamente troviamo:Steve Strange,Rusty Egan(fondatori e propietari del club)Boy George,Martin Degville e Tony James(Sigue Sigue Sputnik)Marylin,Princess Julia,Steve Norman-Gary Camp-Tony Hadley-John Keeble-Martin Kemp(Spandau Ballet)Pete Burns(Dead or alive)e molti altri di cui non farò il nome perchè caduti nel dimenticatoio più nero.
Immagine
Immagine
Immagine
Avatar utente
Messaggio Da rollo75
#190516 Dopo esser stati dei Blitz Kids,arriva il loro primo successo.

Avatar utente
Messaggio Da rollo75
#190726 1982.Blade Runner è da molti ritenuto più di un semplice film di genere, perché si confronta con temi profondi come l'umana paura di morire, l'anelito all'immortalità, la nostra debolezza di fronte ad eventi più grandi di noi, ma anche la capacità di alcuni di dar prova di una grandissima quanto inaspettata generosità.




Avatar utente
Messaggio Da rollo75
#190754 Eccovi qua due belle parodie trash di video anni 80:



Avatar utente
Messaggio Da rollo75
#190807 In ambito danzereccio non possono mancare gli svizzeri Yello



e dal belgio i Telex



Kaos ci sei? :D :D
Avatar utente
Messaggio Da Kaos
#190837 Eccome rollo :wink:
Lancio giusto giusto una bomba...uno dei migliori pezzi dei Depeche Mode dal primo album Speak and Spell del 1981

Avatar utente
Messaggio Da rollo75
#191069 Immagine

Tra i miti degli anni '80 permettetemi un doveroso omaggio al mio idolo:Arthur Antunes Coimbra meglio noto come Zico.In Brasile il suo nome è legato al Flamengo, squadra con la quale ha vinto, segnando ben oltre 100 gol, Campionati di calcio brasiliano, una Coppa Libertadores e una Coppa Intercontinentale. In Italia è ricordato per i due campionati di calcio disputati con la squadra dell'Udinese, l'unica squadra europea in cui ha giocato segnando 22 gol pur avendo giocato solo 39 partite, classificandosi secondo nella classifica dei marcatori nella stagione 1983-1984 dietro a Michel Platini. Grazie a lui l'Udinese visse uno dei momenti migliori della sua storia: con il contributo di Zico risalì in classifica dal sesto al terzo posto insieme alle grandi del calcio, ma in seguito al suo infortunio a fine stagione giunse solo nona.
Avatar utente
Messaggio Da Kaos
#191206 Chissà se anche Pest scuote la testa con i capelloni davanti quando ascolta gli Slayer...?? :mrgreen:

Io sto genere devo ancora imparare ad apprezzarlo...non mi regala nessuna emozione...solo noia.

Invece, cambiando proprio genere oggi propongo qualcosa di David Bowie.
Spero di poter vedere un suo concerto...prima o poi...paura!

Ashes to Ashes


Poi c'è il pezzo che ha fatto sognare non so quanta gente....non è degli anni 80, lo so... ma siamo lì dai...HEROES

Immagine



Che pezzo, a me vengono i brividi.
Tra l'altro faceva parte della colonna sonora del film "Noi, i ragazzi dello zoo di berlino"

Immagine