Ciao, per interagire con noi registrati o accedi al forum. Se vuoi rimanere aggiornato

Cinema, Musica, TV, Arte...e tutto ciò che rientra nell'intrattenimento culturale (e non)
Avatar utente
Messaggio Da colle_alberti
#129732 A chi come me piace leggere...
Apro questo Topic visto che di libri nessuno parla nel forum.
State leggendo qualche libro che vi piace commentare? Ne avete letto uno che volete raccomandare?
Ecco, fatelo qui che il topic è fatto apposta :wink:
Avatar utente
Messaggio Da colle_alberti
#129734 Già che ci sono inizio io
L’ultimo che ho letto è FIRMINO di Sam Savage.
Libro underground, uscito in USA in solo 1000 copie che grazie alla genialità delle sue pagine in poco tempo è uscito alla 'luce pubblica'... Firmino è un topo nato in una libreria di Boston negli anni Sessanta. E' il tredicesimo cucciolo della nidiata, il più fragile e malaticcio. La mamma, donnaccia facile e ubriacona, ha solo 12 mammelle e Firmino rimane l'unico escluso dal nutrimento. Scoraggiato, si accorge che deve inventarsi qualcosa per sopravvivere e comincia ad assaggiare i libri che ha intorno. Scopre che i libri più belli sono i più buoni. C’è una frase veramente bella e divertente: ‘da piccolo io mangiavo carta, i miei fratelli mangiavano me..’ E diventa un vorace lettore, cominciando a identificarsi con i grandi eroi della letteratura di ogni tempo. In un finale di struggente malinconia, Firmino assiste alla distruzione della sua libreria ad opera delle ruspe per l'attuazione del nuovo piano edilizio. Bel racconto dickensiano nero per gli amanti della buona letteratura.

Immagine
Avatar utente
Messaggio Da RonWeasley
#129740 Io ho appena finito Crypto di Dan Brown... non certo un capolavoro ma si legge molto volentieri :lol:

Immagine

E' pieno di controsensi e luoghi comuni ma non so perchè Dan Brown riesce sempre a prenderti e va a finire che il libro lo divori in pochi giorni.

Questa la trama:

La brillante mente matematica Susan Fletcher, responsabile della divisione di crittologia della National Security Agency viene convocata con urgenza dal comandante Strathmore. Collocato in una sala di massima sicurezza, un sofisticatissimo strumento informatico denominato TRANSLTR, che si occupa di decodificare qualunque testo cifrato in brevissimo tempo, è alle prese con un algoritmo ricorsivo che non riesce a decifrare. Sono molto poche le persone che sanno dell’esistenza di questa macchina creata allo scopo di contrastare le minacce di terroristi e che è in grado di controllare la posta elettronica di qualunque persona. Il misterioso ed inviolabile codice con cui è alle prese ha ben presto un nome: Fortezza Digitale. E’ stato creato dal giapponese Ensei Tankado, ex matematico della NSA, portatore di handicap sin dalla nascita a causa del disastro atomico di Hiroshima e strenuo sostenitore della privacy dei cittadini minacciata da TRANSLTR. Da qui la sua decisione di intralciare l’operato della NSA e la minaccia di permettere a chiunque di scaricarlo da internet con la conseguenza di consentire a criminali e a terroristi di agire indisturbati. Ma la sopravvenuta e alquanto strana morte di Tankado scatena una caccia alla chiave che consente di espugnare il codice. Sarà Susan insieme all’uomo che ama a cercare di venire fuori da questa terribile situazione tra omicidi, tradimenti e corse estenuanti.
Avatar utente
Messaggio Da fabriz830
#129750 che combinazione!... avevo proprio in mente di aprire una discussione di questi tipo... ben fatto colle_alberti :)

proprio l'altro ieri ho finito questo :
Immagine
Timeline di Michael Crichton
Romanzo fantascientifico-storico di Crichton da cui è stato tratto anche un (brutto) film. E' la storia di un gruppo di archeologi che vengono spediti indietro nel tempo per cercare di salvare il loro professore, mandato in Francia nell'epoca del Medioevo.
Questo romanzo l'ho trovato molto interessante nelle parti iniziali e finali, ovvero quando l'elemento fantascientifico prevale. Nella lunga parte centrale, storica, sebbene la narrazione sia incalzante, e dia una descrizione esaustiva di quella che doveva essere la vita dell'epoca, fatta di violenza, duelli e battaglie è un po' ripetitivo e noioso, spesso anche un po' prevedibile. Sicuramente il peggior libro di Crichton che abbia letto (anche se ne ho letti solo 5 suoi: Sfera [il migliore], Congo, Jurassic park, Il Mondo Perduto e appunto Timeline).
Avatar utente
Messaggio Da colle_alberti
#129785 Kafka sulla Spiaggia di Murakami Haruki
Un vecchio che capisce la lingua dei gatti e un quindicenne con la maturità di un adulto.
Il primo fugge da un delitto sconvolgente, il secondo da una sconvolgente profezia. Inquietante, avvincente e visionario, Kafka sulla spiaggia è il romanzo che consacra Murakami come uno dei più grandi narratori contemporanei.
Libro bellissimo, con tutta la carica che Murakami riesce a dare. E' uno di quei libri che non ti lascia nemmeno respirare. L'avro letto in pochi giorni (anzi, notti..)
Assolutamente da leggere! :wink:
Immagine
Trama:
Un ragazzo di quindici anni, maturo e determinato come un adulto, e un vecchio con l'ingenuità e il candore di un bambino, si allontanano dallo stesso quartiere di Tokyo diretti allo stesso luogo, Takamatsu, nel Sud del Giappone. Il ragazzo, che ha scelto come pseudonimo Kafka, è in fuga dal padre, uno scultore geniale e satanico, e dalla sua profezia, che riecheggia e amplifica quella di Edipo.
Il vecchio, Nakata, fugge invece dalla scena di un delitto sconvolgente nel quale è stato coinvolto contro la sua volontà. Abbandonata la sua vita tranquilla e fantastica, fatta di piccole abitudini quotidiane e rallegrata da animate conversazioni con i gatti, dei quali parla e capisce la lingua, parte per il Sud. Nel corso del viaggio, Nakata scopre di essere chiamato a svolgere un compito, anche a prezzo della propria vita. Seguendo percorsi paralleli, che non tarderanno a sovrapporsi, il vecchio e il ragazzo avanzano nella nebbia dell'incomprensibile schivando numerosi ostacoli, ognuno proteso verso un obiettivo che ignora ma che rappresenterà il compimento del proprio destino.
Kafka sulla spiaggia sembra scritto in risposta a un imperativo altrettanto misterioso e categorico, con rigorosa precisione di dettagli eppure al di fuori di ogni logica convenzionale, come obbedendo agli ordini dell'inconscio. Mentre ci addentriamo incantati nel suo labirinto e ci perdiamo nei vertiginosi meandri della vicenda, abbiamo l'impressione che Murakami stia scoprendo la storia insieme a noi, viaggiando sulle tracce di Kafka e Nakata con la stessa nostra curiosità, stupore e sete di avventura. Si legge Kafka sulla spiaggia come il suo autore deve averlo scritto: con la sensazione di entrare a occhi aperti in un sogno visionario e risonante di profezie, dove le scoperte e le rivelazioni si susseguono, ma il cuore più profondo resta segreto e inattingibile.
Altri personaggi affiancano i due protagonisti: Hoshino, un giovane camionista di irresistibile simpatia; l'affascinante signora Saeki, ferma nel ricordo di un passato lontano; Oshima, l'androgino custode di una biblioteca molto speciale; una splendida prostituta che fa sesso citando Hegel; e poi i gatti, memorabili creature che sovente rubano la scena agli umani. E infine Kafka. «Uno spirito solitario che vaga lungo la riva dell'assurdo»: così il protagonista quindicenne definisce lo scrittore, al quale lo lega il senso di una condanna incombente. Ma tutti i personaggi di questo romanzo sono, ognuno a suo modo, spiriti solitari che vagano lungo la riva dell'assurdo, fragili individui esposti a tempeste di sabbia e a fulmini, eppure sempre accarezzati e riscaldati dalla misteriosa luce della scrittura di Murakami.
Avatar utente
Messaggio Da SteelPeppe2000
#129813 Peccato per la pessima traduzione in italiano.
Mi spiego meglio, chi ha tradotto Kafka sulla spiaggia ha fatto un ottimo lavoro con la lingua italiana, peccato che le atmosfere dell'originale (come in tutte le traduzioni di Murakami fatte da tale individuo) vengano perse e sostituite a casaccio con quelle contenute nella testa del traduttore. Un vero peccato perché l'originale è veramente bello.
Un giorno riuscirò a spazzare via la "napoligarchia" che regna nelle traduzioni dal giapponese e magari si potrà leggere qualche libro un po' più vicino all'originale... (se ma quando mai)
Avatar utente
Messaggio Da fabriz830
#129816 è che i traduttori italiani sono sottopagati... c'era stata anche una minaccia di sciopero un po' di tempo fa... poi non so come sia finita la vicenda :mrgreen:

comunque ottimo suggerimento... mai sentito nominare questo Kafka sulla Spiaggia.

Non ho mai letto libri di autori orientali... sapete dirmi se sono soporiferi quanto molte delle loro opere cinematografiche?
Avatar utente
Messaggio Da colle_alberti
#129828
SteelPeppe2000 ha scritto:Peccato per la pessima traduzione in italiano.
Mi spiego meglio, chi ha tradotto Kafka sulla spiaggia ha fatto un ottimo lavoro con la lingua italiana, peccato che le atmosfere dell'originale (come in tutte le traduzioni di Murakami fatte da tale individuo) vengano perse e sostituite a casaccio con quelle contenute nella testa del traduttore. Un vero peccato perché l'originale è veramente bello.
Un giorno riuscirò a spazzare via la "napoligarchia" che regna nelle traduzioni dal giapponese e magari si potrà leggere qualche libro un po' più vicino all'originale... (se ma quando mai)

l'eterno problema... certo, forse con il giapponese, nel senso 'atmosfera' come dici, sarà più evidente...
ma cosa possiamo fare i poveri mortali come noi??
dobbiamo lasciarci portare per mano dai traduttori che 'ci' danno.
io di murakami ho solo letto kafka sulla spiaggia e devo dire che mi è piaciuto molto. in fila c'è 'l'uccello che girava le viti del mondo' (nel senso che ho comprato tutti e 2 ma queso ancora giace sul mio comodino, devo ancora finire 'il prezzo del silenzio' di trinchieri...) che mi dici di questo? i personaggi che escono dalla testa di murakami devo dire mi affascinano.

blastaman ha scritto:prova con la trilogia di koji suzuki: ring, spiral e loop.

di cosa parlano??? mai sentiti prima (certo, i titoli sono molto in tema... 8) )
Avatar utente
Messaggio Da SteelPeppe2000
#129855 il discorso su Murakami è lungo.
Per quanto riguarda le traduzioni ti posso dire che a volte nella versione italiana si percepisce una misoginia che non è presente per niente in quella giapponese (e qui mi chiedo se c'entri la sessualità del traduttore, ma questa è una stupida ipotesi). Sta di fatto che personaggi che mi stavano "antipatici" leggendo la versione in italiano svelano tutto un altro carattere in quella giapponese. Secondo me si può fare una buona traduzione, solo che non bisogna lasciarsi trasportare dal sogno di diventare scrittori...
In Giappone le opinioni su Murakami sono divergenti, sinceramente a me piace (d'altra parte ho preso la specializzazione in letteratura giapponese con una tesi sull'interazione tra musica e intreccio nei romanzi di Murakami del primo periodo) ma trovo che a volte le scene di sesso siano superflue. Certo, senza di quelle spesso non venderebbe...
Se Kafka e l'uccellaccio ti piacciono allora ti consiglio di fiondarti su Dance Dance Dance, che fa parte di una tetralogia... purtroppo il primo volume (ascolta la canzone del vento) non è stato tradotto, forse neanche il secondo (il flipper del 1973) mentre il terzo è stato tradotto dall'inglese e non direttamente dal giapponese (sotto il segno della pecora) ed è abbastanza scandaloso...
Avatar utente
Messaggio Da colle_alberti
#129856 Ma che fortunati che siamo. Veramente. Laureato in letteratura giapponese e proprio su Murakami. Mi sa che ti sfrutteremo (e non poco…)
Ho dei carissimi amici a Kyoto e a Tokyo (per quello che ti può interessare… ) ma purtroppo non ci sono mai stato in Giappone (e si, parlando si cose serie, prima o poi bisogna provare sto eejanaika..:)
Avatar utente
Messaggio Da SteelPeppe2000
#129875 io sono qui a Tokyo, se decidi di fare un salto dimmelo! (non come altri del forum che vengono in giappone senza dire niente e fanno i finti tonti :P)
Per quanto riguarda il tour dei parchi giapponesi aspetto solo che il blasta organizzi e vi farò da guida :P
Avatar utente
Messaggio Da fabriz830
#130016 in un mercatino dell'usato ho trovato 4 libri di Stephen King... a 1,50 euro l'uno me li sono presi tutti... Tommyknocker, Il Gioco di Gerald, Quattro dopo mezzanotte, Il Talismano (questi ultimi due non li ho ancora letti)... ora sto rileggendo Tommyknocker, che è un libro che mi è rimasto nel cuore visto che fu il primo di King che lessi (una decina di anni fa)... quando lo finisco posto la trama :D .