Ciao, per interagire con noi registrati o accedi al forum. Se vuoi rimanere aggiornato

Condividi le Notizie trovate sul web, chiedi Consigli sui parchi o apri un Confronto tra di essi. Leggi le ultime notizie dai parchi di divertimento.
Avatar utente
Messaggio Da AndreaEffe
#323218 ... ovviamente sto parlando di rollercoasters, eh.

Il punto è che - escludendo le sparate alla Gardaland riguardo al "TOP" - i parchi si sfidano a colpi di numeri: io ce l'ho più alto, io ce l'ho più lungo, più grosso, più largo, più veloce. Da neofita mi sembrava abbastanza normale associare un coaster di dimensioni maggiori a sensazioni più estreme, eppure non è sempre così.

Shambhala, il coaster più alto e praticamente il più veloce hyper d'Europa, impallidisce di fronte al suo vicino Dragon Khan, molto più intenso e divertente (l'unico coaster che sia mai riuscito a farmi venire un po' di nausea, con 7 giri consecutivi dopo mangiato... :roll: ) e a mio umilissimo parere non può lontanamente competere con Silver Star nonostante la decina di metri di differenza.

Blue Fire, non certo un coaster di dimensioni ridotte, è qualcosa su cui potrei portare mia mamma senza farle prendere un colpo. Lo trovo adatto perfino come coaster per neofiti o quasi.

E' però vero che sotto una certa dimensione - mi vengono in mente i vari coaster di Gardaland - le sensazioni son quelle che sono. Raptor ha una drop carina ma troppo corta ed il resto del tracciato è deludente. Blue Tornado resta un coaster divertente con un bellissimo layout, ma le forze che può esprimere sono limitate dalle dimensioni ed alla fine è qualcosa che potrebbe avere senso in un luna park, non in un parco serio.

I due mostri installati a Mirabilandia, Katun e iSpeed, sono nel loro genere due capolavori.
Katun è probabilmente uno dei migliori inverted del pianeta, forse manca solo di "fantasia" nel layout ma per il resto è perfetto: veloce, intenso, divertentissimo. Io lo chiamo "Sua Maestà".
iSpeed è più nella media ma l'ho trovato interessante: lancio brutale e layout veramente intenso fino a quando il treno non rallenta. Ultima parte un po' insipida ma nel complesso un gran bel coaster.

Le mie conclusioni sono le seguenti: se si resta sotto i 40-45 metri di altezza e/o - secondo il genere di coaster - sotto il Km di lunghezza, allora le dimensioni possono diventare un problema e rendere il coaster deludente: troppo lento, troppo corto, troppo poco intenso.
Una volta superate queste dimensioni indicative l'unica cosa che incide veramente è il layout: per i miei gusti se si tende ad addolcire troppo le sensazioni facendo rallentare troppo il treno agli apici come nel caso di Shambhala oppure raccordando le evoluzioni troppo dolcemente come nel caso di Blue Fire si avrà un coaster molto "diluito" e quindi deludente per i miei gusti; viceversa se il ritmo è tenuto alto da evoluzioni concatenate in sequenza veloce (Blue Tornado, Dragon Khan) oppure si lascia velocità al treno in cima ai camelback e si tende a far "strappare" un po' in certi punti (Silver Star) il coaster risulterà più intenso e divertente anche se di dimensioni inferiori.

A voi la parola, potete anche insultarmi :wink:
Avatar utente
Messaggio Da Lucantropo
#323219 Il tuo discorso non fa una piega, dopotutto è chiaro che un coaster non sia semplicemente il riassunto dei suoi numeri, però alcune cosa derivano da questi numeri.

Innanzitutto la velocità: se si vuole l'intensità nelle figure queste devono essere prese o velocemente, oppure devono essere molto compatte.. ma se un coaster è lento, è lento, e di solito se si sta sotto ai 100km\h le aspettative non vengono ripagate gran che.. il tracciato magari è preso bene nella prima parte ma presto la velocità residua diminuisce molto e o si ottiene un tracciato corte o uno "allungato"...

La velocità dipende da due fattori: o dal lancio, se c'è... altrimenti dall'altezza... di conseguenza se un coaster non è alto, e non ha il lancio, sarà lento.

Diciamo che molto dipende dalla tipologia del coaster e dal suo layout.. ad esempio Maverick a Cedar Point è uno dei miei coaster preferiti in assoluto, eppure ha una velocità di punta di soli 110km\h e una lift di soli 32m... eppure grazie a come sono messe le prime figure fin tanto che il coaster ha ancora una buona velocità, e grazie al rilancio in corsa a metà giro, alla fine risulta piuttosto lunghetto e comunque estremamente divertente ed ha la caratteristica di andare in crescendo, a differenza di tanti altri, pur non essendo esageratamente intenso. (Ecco, un Maverick a Gardaland potevano mettercelo... quindi non è che solo perché si hanno vincoli di altezza/paesaggistici allora non si possono tirare fuori dei coaster di livello mondiale).


Ci sono invece altri casi dove le dimensioni contano eccome, e secondo me capita quando l'esperienza deriva direttamente da queste dimensioni... l'esempio più eclatante sono Top Thrill Dragster e Kingda Ka. 130m contro 139m... 190km\h contro 206km\h... sembra poca roba, ma in questo caso secondo me basta a fare la differenza, visto che l'esperienza in questo caso si riduce unicamente a lancio+risalita+panorama = +veloce +alto +bello 8)

Idem Millenium Force... di per se assolutamente poco intenso in termini di G, visto che curve e camel, per così dire, sono presi in maniera così ampia e blanda che non ci si accorge nemmeno... il fatto è che una lift di 94m è pur sempre una lift di 94m e quel coso va a manetta dall'inizio alla fine... secondo me va preso per quello che è, e personalmente mi è piaciuto, specialmente in prima fila.. :mrgreen:
Avatar utente
Messaggio Da Artea
#323237 Vedremo se Fury sarà un caso isolato oppure se sarà la nuova tendenza per gli hyper, nati per fare la classica sequenza di Camelback, ma che potrebbero invece restare bassi, veloci e "ignoranti"....

Comunque a chiusura della tua osservazione aggiungerei che molto contribuiscono la qualità del tracciato/treno e soprattutto le protezioni.
Avatar utente
Messaggio Da Stonem
#323238
A voi la parola, potete anche insultarmi :wink:

Ecco iniziamo da qui... :lol:
AndreaEffe ha scritto:Shambhala, il coaster più alto e praticamente il più veloce hyper d'Europa, impallidisce di fronte al suo vicino Dragon Khan, molto più intenso e divertente (l'unico coaster che sia mai riuscito a farmi venire un po' di nausea, con 7 giri consecutivi dopo mangiato... :roll: ) e a mio umilissimo parere non può lontanamente competere con Silver Star nonostante la decina di metri di differenza.
..
se si tende ad addolcire troppo le sensazioni facendo rallentare troppo il treno agli apici come nel caso di Shambhala

:shock: Ma figlio mio in che parco sei stato? Per caso era il giorno di inaugurazione che hai trovato Shambhala ancora freddo?
In confronto al Silver Star sdradica molto di più.. poi non so se ti è capitato un giro sfortunato, ma conviene provarlo d'estate e verso il tardi a treno scaldato per goderselo.. Ma pure se fosse mi sembra incredibile dire che il Silver Star è migliore (sulla drop almeno sono più o meno equivalenti.. ma il resto del layout? Non è che ci possano essere chissà quante differenze..
Per quanto riguarda Dragon Khan è l'unico coaster provato in vita che mi fa salire il pranzo di Natale :lol: e non solo a me, ma anche a vari utenti.. Intenso sicuramente non è, ma a fine ride scendevo sempre con un pò di giramenti di testa appena si pianta nel block brake finale.

Per il resto del ragionamento.. anche sotto i 40 metri si può fare tanto e anche fatto bene.
Esempi? Un esempio pratico è il Parque Warner di madrid.. ti trovi affiancati questi due coaster, uno piccolino dal nome Batman ed un altro imponente e possente dal nome Superman. Conclusione? Il Superman è assolutamente un brucomela gigante con inversioni, mentre il Batman e che lo dico a fare.. cattiveria e intensità allo stato puro, non ti lascia respirare un secondo. E sicuramente i 30 metri non li supera.

Altri esempi? Come già detto da Lucantropo Maverick, i vari Mega-lite intamin che sono delle bombe, Balder @ Liseberg, Kanonen @ Liseberg.
Invece il classico esempio contrapposto di grande ed innoquo è Millenium force.
L'esempio per eccellenza di intensità da contrapporre alle apparenze? eccolo.. 13 metri di altezza signori, ma il layout perfettamente incastrato e la perfetta successione degli elementi ha creato un piccolo gioiellino europeo.. Nemesis.
Avatar utente
Messaggio Da muchwoo
#323241
Per quanto riguarda Dragon Khan è l'unico coaster provato in vita che mi fa salire il pranzo di Natale :lol: e non solo a me, ma anche a vari utenti.. Intenso sicuramente non è, ma a fine ride scendevo sempre con un pò di giramenti di testa appena si pianta nel block brake finale.


Stessa identica sensazione.
Ma questo per me non vuol dire che il coaster è intenso, semplicemente è meno godibile rispetto ad altri.
Per fare un esempio stupido, anche le tazze di Gardaland mi sballano per bene lo stomaco, ma non per questo sono intense.
Avatar utente
Messaggio Da Mallory
#323249
AndreaEffe ha scritto:Dragon Khan, molto più intenso e divertente
(l'unico coaster che sia mai riuscito a farmi venire un po' di nausea, con 7 giri consecutivi dopo mangiato... :roll: )


Scusa andrea ma da quando in qua DIVERTENTE e NAUSEA vanno di pari passo? :shock:
Il mio coaster ideale può essere ripetuto 20 volte di fila senza darti nausea (ma ovviamente facendoti divertire sempre).
Dragon Khan effettivamente alla lunga stona un po'. Non per questo lo definirei "più intenso" e "più divertente" di Shambhala.
Poi, ovviamente, sono gusti personali :wink:
Avatar utente
Messaggio Da Marcello
#323250
muchwoo ha scritto:Per fare un esempio stupido, anche le tazze di Gardaland mi sballano per bene lo stomaco, ma non per questo sono intense.

Oltre che sulle tazze, sono stato 'malino' su una giostra, alla fiera di paese, che sembrava una lavatrice!

Qualcosa tipo cinquanta inversioni in due minuti!
:shock:
Avatar utente
Messaggio Da Dexter_RM
#323264 Parlando di dimensioni, per me vale molto la lunghezza: un rollercoaster che mi piace vorrei non finisse mai :D
Infatti faccio sempre molti giri fino all'esaurimento, suppongo come tanti qui dentro, soprattutto se non c'è fila :P
Avatar utente
Messaggio Da AndreaEffe
#323277 Rispondo un po' a tutti:

Sono stato su Shambhala in Novembre... io nei parchi ci vado quando le file non ci sono. Ho bisogno di fare walk-on a nastro altrimenti impazzisco, la mia giornata ideale è con la stessa frequentazione del luna-park di Prypiat.

Ribadisco: Shambhala rispetto a Silver Star non ha nulla. 10 metri in più di drop, ok, ma il resto del tracciato potevo leggermi il giornale. La differenza nel layout, per quanto sottile, sta su come vengono presi i camelback: su Shambhala si arriva in cima dolcemente, su Silver Star no. Inoltre su Silver Star adoro quelle mini-drop a "strappo" che ci sono verso fine percorso. Il punto più bello di Shambhala dopo la drop è un singolo bunny-hop che ha un bell'ejector, il resto proprio non mi dice nulla.

Per me non è divertente un coaster che ti dà la nausea, intendevo solo dire che il Dragone è stato l'unico ad essercisi avvicinato... io vomito solo sulle flat-rides, non esiste un coaster in grado di conciarmi male. Katun non ce l'ha fatta con 12 giri consecutivi dopo pranzo da McDonald. Resta il fatto che trovo Dragon Khan uno dei migliori coaster che abbia mai provato: ha un ritmo devastante e delle figure eccellenti (del resto quel periodo è stato il migliore della B&M secondo me).