Ciao, per interagire con noi registrati o accedi al forum. Se vuoi rimanere aggiornato

Sezione dedicata a Rainbow MagicLand.
Avatar utente
Messaggio Da peppe2994
#295248 Infatti così sarà stato, amministratore delegato = grande potere/responsabilità che ovviamente non gli hanno dato anche perché logisticamente impossibile in quanto doveva avere come dici tu la conoscenza approfondita di una serie di operatori che interagiscono con il parco.
Solo marketing, almeno è stato ammesso ed è una cosa buona.

Gico ha scritto:Peccato che mancano le informazioni che mi interessavano maggiormente: lo scostamento percentuale dall'obiettivo (è arrivato al 9%? all'1%? Insomma cambia un po') e il compenso pattuito (che mi pare sarebbe dovuto essere rivelato a termine del "concorso").


Casualmente il silenzio tombale a riguardo... :roll:
Avatar utente
Messaggio Da Hermy
#295252 Il mio pensiero NON conoscendo le dinamiche già descritte da gico è che sia stato preso sotto stage con un rimborso spese di cui non conosciamo la grandezza, che abbia firmato carte su carte per non divulgare quello che effettivamente era destinato a fare: ovvero attuare le tre cose che aveva scritto nel progetto e fare il jolly al bar in carenza di gente. Non penso abbia mai visto un singolo grafico di presenza, non penso abbia mai parlato con qualcuno dei team leader attrazioni per poter consigliare su come agire, non penso abbia mai nemmeno toccato in mano un dato sensibile dell'azienda.

E a volerci veder male penso anche che fosse già conosciuto nell'ambiente e che non abbia sostenuto alcuna "gara" con altre persone. Ma questo lo penso solo io in cattivissima fede... e mi scaturisce dal fatto che non una sola volta è stato esplicitato in cosa consisteva l'operazione di selezione tra i fantomatici 250 che dovevano essere presi. Ovviamente NON che dovessero farlo... ma per un minimo di chiarezza e trasparenza nonchè credibilità ci sono più buchi in questa storia che in uno scolapasta...
Avatar utente
Messaggio Da dibilele
#295286
Hermy ha scritto:
Non ha superato la sfida ma ha vinto. A prescindere. Nulla di fatto per Gianluca Simone, lo studente ventiduenne che per tutto il mese di agosto ha occupato la poltrona più alta del parco divertimenti Miragica di Molfetta, in provincia di Bari. Le azioni di marketing messe in atto non hanno portato ad un incremento di ospiti del 10 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno quando, nel mese di agosto, avevano varcato i cancelli del parco 75mila ospiti. Eppure lui, Gianluca, con il denaro guadagnato in un mese, (una somma decisamente importante), adesso rilancia. «Utilizzerò il denaro guadagnato per seguire un master, magari all’estero, e specializzarmi – dice soddisfatto – la mia esperienza a Miragica, dimostra che – continua - bisogna saper scommettere su se stessi ed essere fiduciosi delle proprie potenzialità». Gianluca Simone era stato selezionato, tra oltre 320 concorrenti, dal dottor Stefano Cigarini, amministratore delegato di Miragica e di Rainbow Magicland, il parco divertimenti di Roma Valmontone, che, a luglio scorso, aveva lanciato una proposta shock rivolta a tutti i giovani disoccupati e non convinti di essere talenti incompresi o comunque non ancora scoperti dal sistema delle aziende, offrendo il proprio posto di lavoro ed il proprio stipendio per un mese.
«Gianluca ha lavorato bene e - il commento di Stefano Cigarini - sicuramente ci rivedremo con lui quando avrà concluso il suo percorso di studi. Mi stupisce il fatto che qualcuno continui a trovare strano il fatto che abbiamo affidato un ruolo di così grande responsabilità ad un giovane. In realtà è strano esattamente il contrario e cioè che aziende che si reggono sul divertimento e sull’edutainment siano guidate da persone anziane».


Cigarini il benefattore...


Strano che non ce l'ha fatta, molto strano!! :lol: Anche io vorrei sapere i dati "ufficiali" raggiunti dal fortunato AD di agosto... Loro comunque una buona dose di pubblicità ce l'hanno avuta ma, evidentemente, non ha funzionato comunque! Ma va be', lo sappiamo tutti che Cigarini voleva soltanto fare un'opera di bene.