Ciao, per interagire con noi registrati o accedi al forum. Se vuoi rimanere aggiornato

Sezione dedicata ai parchi italiani del gruppo Merlin. Scheda del parco Gardaland
Avatar utente
Messaggio Da Artea
#292343 Certo Hermy, mi riferivo solo al fatto di ricorrere a periodi ipotetici.
Avatar utente
Messaggio Da Loris8893
#292344 A mio pare se altri parchi permettono cose che magari Gardaland non permette è puramente a discrezione del parco stesso. Come ci può essere ad esempio il barista che ti da un bicchiere d'acqua gratis e quello che invece te la fa pagare. Li è presto detto perchè a Gardaland non vengono permesse cose che magari in altri parchi sono possibili.....perchè semplicemente il parco non se la sente di correre il rischio, e quindi tende a proteggere (magari eccessivamente) i suoi ospiti con problemi di salute.

Se poi si accerta che non c'è pericolo ok, ma se io parco non mi sento personalmente di far salire tale persona perchè non mi fido, trovo che sia il minimo che tale persona sottostia alla mia decisione. Oltretutto non è che le persone disabili paghino per fare quell'attrazione, anzi, entrano gratis all'interno del parco. Se io fossi un disabile e vedessi che magari in un parco non mi è possibile fare coaster potrei benissimo pensare di andare in un altro, ma di certo non mi metterei a creare un polverone sul fatto che a Mirabilandia posso fare quella cosa ed invece a Gardaland no.

Il fatto che poi il parco incoerentemente faccia salire i bambini della sua associazione di volontariato potrebbe anche essere semplicemente una libertà che si prende in quel momento. Un eccezione se così vogliamo dire. Giusto perchè magari erano sicuri che non sarebbe successo nulla, o perchè in quel momento si sono presi la responsabilità di un eventuale inconveniente. Ma un conto è prendersi la responsabilità per quei 10 bambini per 1 ora, un altro è prendersela per altre 3000 persone che visitano il parco durante tutto l'anno. :roll:

Che poi magari i cm dovrebbero essere messi in maggior condizione di riconoscere chi effettivamente non ha niente e può salire, e chi no, ok su quello siamo tutti d'accorso. Nel caso basterebbe portare magari un autorizzazione firmata dal medico?
Avatar utente
Messaggio Da Hermy
#292345 Le tue sono tutte le ipotesi che devono affrontare i CM. Ossia dover dire no a gente che
a) vuole fare autocertificazione o scarico colpe
b) ha certificati medici o carte varie
c) paga regolare biglietto pur di salire senza passare via castello per avere il pass o cmq biglietto omaggio
d) prima si lamenta col CM poi si infila nella coda normale sale e non lo vedi più...

La soluzione come vedi non si è trovata per nulla, da li il caos di gente che si lamenta e che si rivolge ad associazioni fa cause e parla di discriminazione. Il parco discrimina come è stato ben spiegato da peppe. Che poi sia lecito nessuno lo mette in dubbio... che poi il parco ci faccia pessime figure pure...
Messaggio Da yesyesyes
#292358 Tu quando entri nel parco ti attieni alle regole che il parco ha e che sono ben visibili sul suo sito, inoltre il disabile entra gratis proprio perchè non può affrontare determinate attrazioni altrimenti pagherebbe prezzo intero come tutti. Inoltre dal sito la monorotaia è accessibile anche per gli ospiti con problemi intellettivi, restano non accessibili solo le attrazioni vietate anche a chi ha problemi cardiaci. Nella categoria rientrano anche le persone che hanno subito interventi al cuore quindi il 50% delle persone down. Inoltre vi segnalo che anche una persona che ora sta benissimo ma in passato ha subito un intervento al cuore non può salire.
Avatar utente
Messaggio Da Hermy
#292360 Questo discorso non avrà mai fine :roll:

Tu quando entri nel parco ti attieni alle regole che il parco ha e che sono ben visibili sul suo sito


un parco in Italia non può violare la legge italiana you know?, qualsiasi regolamento abbia al suo interno. Suppongo sia per questo che si va per via legale. Che poi ci si trascini per anni e che si concluda con il nulla è un altro paio di maniche. Ma ripeto, una riflessione e una revisione delle regole per trovare una soluzione sono sicura che si può trovare.
Avatar utente
Messaggio Da peppe2994
#292361
yesyesyes ha scritto: Inoltre dal sito la monorotaia è accessibile anche per gli ospiti con problemi intellettivi, restano non accessibili solo le attrazioni vietate anche a chi ha problemi cardiaci. Nella categoria rientrano anche le persone che hanno subito interventi al cuore quindi il 50% delle persone down. Inoltre vi segnalo che anche una persona che ora sta benissimo ma in passato ha subito un intervento al cuore non può salire.

Scusami ma questo dove è scritto ? :roll:
Avatar utente
Messaggio Da Hermy
#292368 Nella sua mente forse... O almeno per ciò riguarda Monoroaia... perchè si legge qui

http://www.gardaland.it/docs/guidadisabili2012_it.pdf

che Monorotaia non ha il simbolo della faccina che indica l'ACCESSIBILITà da parte di disabili intellettivi e comportamentali. Per cui i down non salgono.

Tra l'altro vi invito a rifelttere. Sulle Jungle o sul Colorado non ci sono problemi... invece sulla Monorotaia o su Fuga ce ne sono...
Avatar utente
Messaggio Da RonWeasley
#292370 Loris ma che discorsi fai? "Se non gli piace il regolamento di Gardaland vai a Mirabilandia" Vorrei vedere se lo dicessero a te!

Gardaland attua discriminazione e mette i suoi dipendenti nella condizione di poter essere a loro volta denunciati.
Mi stupisco come ci sia ancora gente che li difende a spada tratta!
Avatar utente
Messaggio Da peppe2994
#292373 Ah ecco ora ci siamo, avevo letto tutti i regolamenti al parco, online ed il regolamento generale e questa ca**ata delle discriminazoni se hai subito un intervento chirurgico non puoi salire non l'avevo mai sentita. Ad ogni modo non capisco perché tutta questa voglia di difendere gli errori altrui...

Hermy ha scritto:Tra l'altro vi invito a riflettere. Sulle Jungle o sul Colorado non ci sono problemi... invece sulla Monorotaia o su Fuga ce ne sono...

Quando in realtà dovrebbe essere l'esatto contrario...
Avatar utente
Messaggio Da Artea
#292381 Innanzitutto esiste la possibilità che le attrazioni siano uscite di fabbrica con indicazioni differenti in merito all'accessibilità. Esiste quindi la possibilità che i produttori abbiano sensibilità o riferimento normativi differenti tra loro.
Può darsi che abbiano basato il giudizio sul pericolo (immediato) di caduta dall'alto, capisco che possa non avere senso. Questi sono due periodi ipotetici che non ci portano lontano... :-) In generale questi sono i limiti della legislazione, lavorando nei cantieri se ne vedono spesso di incongruenze, perché si legifera sul caso generico e l'applicazione puntuale talvolta è incongruente. In questo caso starebbe al tecnico responsabile della sicurezza di gardaland prendersi la responsabilità di modificare le prescrizioni del produttore. Come minimo non si sentirà pagato abbastanza per prendersi tale incombenza... ;-)
Avatar utente
Messaggio Da Hermy
#292382 Le attrazioni arrivano al parco e vengono modificate le indicazioni della casa madre a seconda delle necessità del parco. In poche parole se la Intamin o la Vekoma etc dicono che sul Blue Tornado non si sale sotto il metro e sessanta, Gardaland dice che per lei la limitazione si abbassa al metro e venti.

Questo risponde ai continui cambiamenti di limiti d'altezza che forse nessuno ha mai notato tra un anno e l'altro. Le limitazioni d'altezza cambiano a seconda dell'umore dei dirigenti (non so chi si occupa di questo) senza a mio avviso che ci sia una logicità :roll:

Quindi non raccontiamoci storielle e che non ce le raccontino i CM o chi per essi. E' gardaland che decide... dalla fabbrica escono solo consigli.
Avatar utente
Messaggio Da Loris8893
#292384
RonWeasley ha scritto:Loris ma che discorsi fai? "Se non gli piace il regolamento di Gardaland vai a Mirabilandia" Vorrei vedere se lo dicessero a te!

Gardaland attua discriminazione e mette i suoi dipendenti nella condizione di poter essere a loro volta denunciati.
Mi stupisco come ci sia ancora gente che li difende a spada tratta!


Ma io non li sto difendendo, sto solo cercando di mettermi sia nei panni del parco che vieta le attrazioni, sia in quelli del disabile che si vede negato l'accesso in un parco e non in un altro. Pure a me è capitato di andare l'anno scorso al parco con una persona con disabilità cognitive (faceva parte di un gruppo di miei amici) ma ti posso assicurare che davanti alcuni divieti tale persona non si è affatto scandalizzata, anzi. Semplicemente capiva che se tale attrazione era meglio evitarla ok. Di certo non credo che sarebbe andato ad incolpare il parco di razzismo perchè cercava di proteggere il più possibile il suo ospite.

Poi ripeto che sul fatto che Gardaland dovrebbe rivedere le sue politiche sui disabili perchè siano un attimo più elastiche siamo tutti d'accordo. :roll:
Avatar utente
Messaggio Da Artea
#292387
Hermy ha scritto:Le attrazioni arrivano al parco e vengono modificate le indicazioni della casa madre a seconda delle necessità del parco. In poche parole se la Intamin o la Vekoma etc dicono che sul Blue Tornado non si sale sotto il metro e sessanta, Gardaland dice che per lei la limitazione si abbassa al metro e venti.

Questo risponde ai continui cambiamenti di limiti d'altezza che forse nessuno ha mai notato tra un anno e l'altro. Le limitazioni d'altezza cambiano a seconda dell'umore dei dirigenti (non so chi si occupa di questo) senza a mio avviso che ci sia una logicità :roll:

Quindi non raccontiamoci storielle e che non ce le raccontino i CM o chi per essi. E' gardaland che decide... dalla fabbrica escono solo consigli.


Se intamin consiglia un limite di 140 cm, Gardaland non metterà mai 160 cm questo è il pubto. Se chi produce la monorotaia suggerisce un limite di accessibilità gardaland asseconderà il consiglio. Non è questione di storielline da queueline, semplicemente dico che SE dalla fabbrica esce una limitazione nessuno si prenderà la responsabilità di renderla MENO restrittiva. Al più potranno renderla più restrittiva, ma è un altro discorso. Si speculava sul perchè alcune attrazioni innocue abbiano un limitazione e altre no. Ho illustrato una possibilità, che non è detto corrisponda al vero, ma può essere una spiegazione all'anomalia
Avatar utente
Messaggio Da Hermy
#292388 Un consiglio è per definizione "un consiglio" (e per molti attrazioni non c'è di certo vedi monorotaia). Stiamo ESATTAMENTE discutendo del fatto che Gardaland inserisca limitazioni che inventa al momento (Fuga Colorado si... Monorotaia no...). Cambiando i parametri di altezza a seconda del cambio di umore stagionale. Stiamo poi dicendo che ai cast member viene detto di canticchiare storielle dicendo TESTUALI PAROLE: "Non è nostra responsabilità ma le limitazioni escono dalla casa". Ora mettiamo che tu lavorassi alla intamin e te ne vieni a gardaland. Hai un pargoletto che sta sul metro e 15 e per 5 cm non passa al filtro... Ti senti dire testuali parole... non ti sentiresti un po incazzato pensando che ti trattano come un idiota per fare la figura degli splendidi?
Mi pare PALESE che sia un discorso di responsabilità ma il comportamento del parco NON è trasparente chiaro. Io sto battendo i piedi per dire che sostanzialmente si parano solamente il sederino e se ne sbattono altamente di come poter venire incontro alle necessità di queste persone. Mentono anche alla stampa o a chicchessia per scaricare la colpa su casa madre o medici o altro.

Ora che ci sia gente che si lamenta perchè un anno entra a Fuga e l'anno dopo non ci entra più è abbastanza raro, qualcuno se lo ricorda e lo rinfaccia ma amen... in tal caso non occorre essere troppo rigidi... Ma la questioni dei disabili direi che è molto più sottile e di sicuro più fasrtidiosa... non credi?

Che poi Loris tu sei convinto che siccome hai fatto una giornata in un parco con un disabile siano tutti accomodanti come lui... beh vallo a chiedere alle tizie del Castello quanto siano accomodanti certi genitori di altrettanti bambini che si vedono rifiutare un giro in giostra ;)
Avatar utente
Messaggio Da Loris8893
#292390 Non sto dicendo che tutti i disabili si accontentano di fare quel che possono o il contrario, trovo che sia abbastanza normale. Ma dico che c'è disabile e disabile. Alcuni possono vedere i divieti del parco come "sistema di protezione" nei loro confronti, ed altri come invece un limite a quel che gli è concesso fare. Sta totalmente a punti di vista. In questo caso noi stiamo ovviamente parlando del secondo tipo.....quel che volevo far intendere è che dopo aver passato una giornata in compagnia di una persona disabile al parco io non ho trovato alcun problema, che poi una piccola parte si lamenta delle restrizioni ok. Ma non sono TUTTI i disabili in generale che fanno il ragionamento "a non mi permettono di salire su Raptor quindi il parco è razzista". Noi stiamo comunque parlando di un problema che coglie una parte di disabili che visitano il parco. Perchè io sono certo che ci saranno milioni di persone disabili che visitano il parco durante l'anno e riescono a passare comunque una giornata stupenda senza magari nemmeno pensarci che non possono fare quella data attrazione proprio perchè disabili.

Qui è esattamente come quando alcune persone del parco trovandosi un attrazione chiusa per manutenzione se ne fregano, ed altri invece vanno a lamentarsi in ufficio informazioni per non aver potuto fare un attrazione su 30. Come quando durante Eurochocolate erano chiusi i corsari, io me ne sono fatto una ragione e fine. Di certo non vado a sclerare in ufficio informazioni pretendendo di farla, mi sono limitato ad andare a chiedere il motivo ed appena mi hanno detto che era chiusa per problemi tecnici, ok....fine....non ho preteso null'altro.

Fra l'altro a proposito di restrizioni di sicurezza, mi ricordo verso aprile di quest'anno (mi pare) che ero in fila al 4D Adventure (il che deve essere stata una giornata davvero scabrosa se sono andato in fila al 4D Adventure xD) e mi sono ritrovato la fila bloccata per un 15 minuti perchè i cm stavano cercando di convincere una signora che il figlio (di altezza inferiore a quella consentita) non poteva effettuare l'attrazione. Dopo aver cercato di convincere tale signora che non faceva altro che rimanere li a continuare a controbattere è stata chiamata dall'info west la responsabile alla clientela che ha provato per l'ennesima volta a spiegare che se il bambino è troppo basso non può accedere all'attrazione, e non a caso di fatti ha pagato il biglietto ridotto. Però a quanto pare tale persona era talmente cocciuta che è stata chiamata la SEA per farla andar via, con relativo applauso di tutta la queue linee.

Quindi come per l'appunto sto cercando di dire ci sono persone e persone, e come ho detto prima noi stiamo parlando di una nicchia di persone disabili che hanno tale problema. Ora, constatando che quindi stiamo parlando solo di una parte di clientela, è ovvio come dicevi tè Hermy, che il parco dovrebbe porre rimedio a tale problema anche solo per non rimetterci in immagine. Ma per il resto è come se parlassimo di tizio, caio e sempronio che vogliono fare un attrazione vietata a loro per vari motivi. :roll:

Questo ovviamente rimanendo nel modo in cui ragiona il parco. Che poi come dicevo prima alcuni parchi permettono di fare una data attrazioni alla persona con tale disabilità, ed un altro magari no, penso sia a sola discrezione del parco stesso. Ogni persona può pensare che magari buttarsi con il paracadute sia pericoloso ed un altra no. Quel che noi dobbiamo domandarci è per l'appunto: che motivo ha Gardaland di vietare un attrazione ad un disabile sapendo di rimetterci solo in immagine?

E la risposta più semplice è: "perchè vuole evitare a tutti i costi l'insorgere di problemi"
Non penso che il parco agisca alla cavolo per il puro gusto di rimetterci. Quindi una motivazione ci deve essere.

E' esattamente come quando nel topic degli spettacoli ci domandiamo: ma che motivo ha il parco di non permettere di registrare alcuni degli spettacoli? perchè il parco è malvagio? :wink: