Ciao, per interagire con noi registrati o accedi al forum. Se vuoi rimanere aggiornato

Tutta la magia disney al servizio dei parchi divertimento, Disneyland Paris, Walt Disney World ...
Avatar utente
Messaggio Da Hermy
#290020 Disneyland Paris (Resort) - I festeggiamenti per i 20 anni continuano --> http://bit.ly/19BEzKx

Immagine


Pubblichiamo il comunicato stampa relativo alle offerte estive 2013 di Disneyland Paris.

Dal 6 luglio al 30 agosto a Disneyland Paris è in corso la stagione estiva, ancora più ricca e magica per via dei festeggiamenti del 20° Anniversario! Gli orari di apertura dei Parchi Disney, in particolar modo del Parco Disneyland, si prolungano dando così l’opportunità di intrattenersi sulle attrazioni fino a tardi, per poi concludere la serata ammirando lo spettacolo Disney Dreams®!. Disney Dreams®! è lo show serale, vero e proprio tributo al 20° Anniversario, che prende vita sul Castello della bella Addormentata ogni sera. Si tratta di una rappresentazione realizzata grazie ad una tecnologia di altissima generazione in cui le più belle storie Disney degli ultimi 20 anni sono raccontate attraverso immagini, suoni, fontane d’acqua alte fino a 40 metri e spettacolari fuochi d’artificio.

C’è poi un appuntamento pomeridiano quotidiano divenuto ormai imperdibile per migliaia di visitatori. E’ la Parata della Magia Disney che non finisce mai di stupire! Una spumeggiante colonna sonora, coinvolgenti coreografie e
magnifici carri invitano i visitatori a festeggiare in compagnia dei protagonisti dei grandi classici Disney! Prenotare la magia di Disneyland Paris, da vivere durante la stagione estiva, è ancora più conveniente!

Fino al 10 luglio 1 giorno e 1 notte in più gratis per prenotazioni a partire da un pacchetto 3 giorni /2 notti in tutti gli hotel Disney (pernottamento, prima colazione e ingresso ai Parchi Disney per tutta la famiglia per tutti i giorni).

Come prenotare?

- visitando il sito www.disneylandparis.com
- chiamando il call center allo 02.215.44.45
- recandosi nella propria agenzia di viaggi di fiducia
Avatar utente
Messaggio Da Maite-nageur
#290021 Un principe Saudiano ha speso 15 milioni di euro fine maggio a Disneyland Paris durante un soggiorno di tre giorni durante i quali ha prenotato attrazioni e spettacoli per lui e circa 60 ospiti. Prince Fahd al-Saud ha soggiornato presso il parco dal 22 al 24 maggio. L'evento è stato tenuto in privato da un servizio di Euro Disney dedicato a speciali prenotazioni per comitati aziendali, o addirittura di persone private.
Durante il suo soggiorno, il principe, che festeggiava la laurea, ha "privatizzata il parco da “land” a “land", significa che alcuni spazi erano riservati al giorno, così come la mattina prima dell'apertura e di sera, ha raccontato una di queste fonti. In totale, il principe ha invitato 60 delle persone, amici e anche semplici appassionati del parco. Prestazioni di misura sono stati organizzati per loro, con "personagi rari" della Disney.
Avatar utente
Messaggio Da peppe2994
#290026 Cose che capitano, ma non dovrebbero. Un pezzo di quello in testa e ferito mi sembra ottimistico. Devono stare più attenti sul fronte stabilità, una roccia su Big Thunder Moutain, un pezzo di Space Mountain... Qualcosa non va.
Messaggio Da alfb
#290028 Sembra che nei primi giorni da quando funzionano (5 luglio), le orecchie che si illuminano a tempo con Disney Dreams le avessero solo una decina di persone. Qualcuno ha informazioni più precise?
Avatar utente
Messaggio Da peppe2994
#290029 Mi sembra piuttosto ovvia come cosa, hanno un costo di 20-25 euro non mi ricordo. Considerato il costo dell'ingresso o di un soggiorno in pochi compreranno delle orecchie a questa cifra soltanto perchè si illuminano con lo show.
Avatar utente
Messaggio Da lore1991
#290030 Sono relativamente poco diffuse in California, dove interagiscono con molte attrazioni e spettacoli, figuriamoci qui a Parigi (dove non è per niente diffuso l'utilizzo dei cappelli con le orecchie in genere ).
Avatar utente
Messaggio Da Maite-nageur
#290658 Il futuro di Disneyland Paris è appeso a un filo ormai tutti i piani esistenti per il resort sono immediatamente eliminati. Questo riporta il solito bene informato D Log.nl. Anche se il decrepito Disneyland europea sta urlando per lavori di ristrutturazione e nuove attrazioni, il genitore The Walt Disney Company ha creato una spessa linea rossa attraverso l'intero piano. Gli anni dopo il 2014 sono quindi un grande punto interrogativo. La società madre negli Stati Uniti avra l'ultima parola su tutti gli investimenti esteri. E a quanto pare gli americani non sono in accordo sul piano di azione finora in attesa sul tavolo. Che può significare due cose. O Disneyland Paris ottiene un nuovo impressionante ristyling tirando i parchi impoveriti in un colpo fuori dalla depressione. Se gli americani si rendono conto che il resort è un pozzo senza fondo che non può essere salvato. In quest'ultimo caso si può fischiare il prossimo decennio per estetica tanto attesi e giostre.
Ultima modifica di Maite-nageur il lun ago 05, 2013 3:52 pm, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Messaggio Da peppe2994
#291180 Che mi sono perso?
Non era stato da poco fatto un finanziamento miliardario al parco per incentivarne lo sviluppo negli anni a seguire con nuove grandi attrazioni agli studios ogni anno, poi il resort cresce di anno in anno. Cosa non va?
Avatar utente
Messaggio Da Maite-nageur
#291194
peppe2994 ha scritto:Che mi sono perso?
Non era stato da poco fatto un finanziamento miliardario al parco per incentivarne lo sviluppo negli anni a seguire con nuove grandi attrazioni agli studios ogni anno, poi il resort cresce di anno in anno. Cosa non va?


Euro Disney era una volta una meraviglia tecnologica e artistica, oggi è un povero sostituto che quotidianamente perde qualità. Ora la soddisfazione tra i visitatori sta ben sotto la media. I punti di dolore sono chiari : le attrazioni sono trascurate, il cibo non è buono e costoso, molti ristoranti non continuano l'apertura anche nei giorni pieni e sono stati eliminati tutti gli spettacoli dal vivo. I requisiti di promotori della Capogruppo americana, The Walt Disney Company ha messo immediatamente fine alla gestione scadente che Disneyland Paris attanagliato per anni. Una reazione di fans se cosi creata..... La petizione stai facendo qui.

Immagine

http://savedisneylandparis.tumblr.com/p ... alt-disney

Cordiale Signor Iger,

quando Lei fu nominato Amministratore Delegato della The Walt Disney Company, nel marzo 2005, gli allora membri del consiglio di amministrazione Roy E. Disney e Stanley Gold cessarono la loro Campagna “Salviamo Disney”. La campagna era stata avviata per ripristinare una politica aziendale che mirasse all’eccellenza, un valore che ha sempre profondamente caratterizzato le attività della The Walt Disney Company, fin dalla sua creazione da parte dello stesso Walt.

Grazie ai Suoi sforzi la The Walt Disney Company è ora più forte che mai. Questo è dovuto ad una serie di eventi chiave, necessari a risolvere dei grandi problemi:



L’acquisizione della Pixar (2006)

Il recupero dei The Walt Disney Studios

Il rilancio e l’espansione del Disney California Adventure (2008-2012)

L’acquisizione di Marvel Entertainment (2009)

L’avvio della costruzione dello Shangai Disney Resort (2011)

L’espansione di Hong Kong Disneyland (2011-2013)

L’acquisizione della Lucasfilm (2012)



Questi grandi investimenti (come l’espansione del Disney California Adventure e di Hong Kong Disneyland) hanno permesso di sistemare delle parti della società che versavano in cattivo stato, e di diventare più forte in aree demografiche che la Sua società mirava a conquistare da molto tempo. Tutti questi eventi chiave hanno una cosa in comune: la qualità del prodotto o dell’esperienza. Come disse una volta un Suo amico e collega, John Lasseter: “La qualità è il miglior business plan”.

Sfortunatamente, recenti sviluppi hanno seriamente danneggiato la qualità di uno dei migliori parchi a tema del mondo: Disneyland Paris. Vorremmo cogliere quest’opportunità per condividere con Lei le nostre sincere preoccupazioni sullo stato del parco, che porta il nome della Sua società in Europa. Noi ci siamo molto affezionati al resort, durante la sua vita relativamente breve rispetto agli altri parchi, e davvero non vogliamo vederlo peggiorare ulteriormente.

Quando aprì il Parco Disneyland (allora si chiamava ancora Euro Disneyland), nel 1992, appariva davvero come uno dei più grandi risultati della Disney: una meraviglia artistica e tecnologica. L’alta qualità dei suoi spettacoli, delle attrazioni e del tema ebbe un grande successo nel pubblico di tutta Europa, e l’esperienza degli ospiti era simile, se non addirittura superiore, a quella di Disneyland e Walt Disney World. Purtroppo, a causa di continui problemi finanziari, la qualità complessiva dell’esperienza è lentamente peggiorata durante il tempo. I tanti anni di tagli al budget della manutenzione, a quello degli spettacoli e dei ristoranti hanno lasciato il resort in uno stato di abbandono inaccettabile.

Quest’anno la qualità è ulteriormente scesa fino a raggiungere un punto critico: il 2013 segna la prima stagione estiva dall’apertura senza nessuno spettacolo messo in scena nei due parchi. È la prima volta che succede nella storia di Disneyland Paris, e probabilmente la prima volta tra tutti i Parchi Disney del mondo.

Vorremmo illustrarLe i principali problemi di Disneyland Paris, dalla nostra prospettiva di visitatori, in queste quattro categorie.



1. Manutenzione

La manutenzione dei parchi, delle attrazioni e degli hotel è stata tralasciata troppo spesso durante gli ultimi venti anni, arrivando al punto che molte strutture non sono più “Disney Standard”. Molti elementi delle decorazioni a tema sono in disfacimento, mentre altre cadono letteralmente a pezzi.

Sicuramente un lato positivo è il programma di ristrutturazione dettagliato che è stato avviato negli ultimi anni, orientato principalmente a ripristinare molte parti di attrazioni, effetti o arredi a tema che erano deteriorati durante questi anni. Mentre è vero che quest’attività indica un’attenzione del management di Disneyland Paris a continuare a mantenere il parco efficiente, purtroppo tocca solo la punta dell’iceberg. I molti anni di abbandono sono costati un caro prezzo al più bel Magic Kingdom che sia mai stato creato; il prezzo per ripristinare la sua gloria passata sembra ora molto più alto, rispetto a quello che sarebbe stato pagato sistemando le cose per tempo.



2. Tagli al budget

Lo show Tarzan Encounters al Chaparral Theater, lo show The Legend of the Lion King al Videopolis, l’iconica parata notturna Disney’s Fantillusion! sono stati tutti cancellati quest’anno. Allo stesso tempo altri teatri o spazi per spettacoli, come Le Théâtre du Château, sono stati lasciati vuoti e in disuso per anni. In aggiunta diverse attrazioni e molti ristoranti e negozi ora aprono solo per un tempo molto limitato: ad esempio dalle 11:00 alle 18:00, mentre il parco è aperto dalle 9:00 alle 23:00. In aggiunta una cattiva manutenzione sta drammaticamente riducendo, nel corso del tempo, la capacita di alcune attrazioni. Ad esempio la Thunder Mesa Riverboat Landing (aperta dalle 11:00 alle 18:00) opera da tanto tempo con solo uno dei due battelli a vapore disponibili, e molte altre attrazioni o montagne russe operano con meno treni, lavorando così a capacità ridotta.

La mancanza di manutenzione, unita ai tagli al budget, ha provocato guasti ciclici che colpiscono tutte le attrazioni. Questi guasti, uniti all’inferiore capacità di accogliere i visitatori, rendono il parco costantemente sovraffollato, proprio mentre Disneyland Paris batte il record di visitatori anno dopo anno; il resort ha accolto sedici milioni di visitatori nel 2012. Il risultato finale è che un giorno a Disneyland Paris è diventato una serie di lunghe camminate tra attrazioni e luoghi aperti e attrazioni e luoghi chiusi.



3. Cibo

L’offerta di cibo e ristorazione nel parco è molto varia, ma la qualità generale è inferiore a quella dei Parchi Americani. La maggior parte dei ristoranti offre o cibo da fast food o un buffet con formula all-you-can-eat. Solo un piccolo numero di ristoranti con servizio al tavolo è disponibile ad oggi, mentre prima ce n’erano molti altri. Questi nel tempo sono stati trasformati in fast food, come ad esempio l’Explorer’s Club che è diventato il Colonel Hathi’s Pizza Outpost, una pizzeria standard.

Negli ultimi anni la qualità del cibo servito ai ristoranti con servizio al tavolo, quelli più cari, è notevolmente peggiorata. Portate di cibo industriale precotto sono servite in pochi minuti dall’ordinazione, questo è segno che il cibo non è preparato espresso. L’offerta di cibo ai ristorandi fast food è troppo cara e non può competere con le altre scelte, come ad esempio il McDonald’s, che è a pochi minuti di cammino dai parchi, nel Disney Village.

Quello che preoccupa di più, oltre al cibo di bassa qualità servito ad alto prezzo, sono gli orari di apertura di alcuni ristoranti. Se il Parco Disneyland chiude alle 23:00, ci si aspetta di poter avere una buona cena, solo per essere delusi dalla chiusura del ristorante alle 19:30. Questi orari troppo brevi rendono impossibile prenotare un pasto nella tarda serata, le uniche opzioni sono cenare prima o rivolgersi ad uno dei fast food nel Parco Disneyland o uscire verso il Disney Village.



4. Walt Disney Studios Park

È il parco Disney più piccolo, l’unico senza una dark ride tradizionale, il parco che ancora sta lottando per affermare una sua identità: in breve è il parco che non è mai arrivato al “Disney Standard”. La mancanza di attrazioni, l’ambiente spoglio, il tema generale del parco mai troppo definito, un masterplan non accuratamente disegnato, la bassa capacità delle nuove attrazioni e altro ancora: sono tutti problemi e criticità urgenti. Questo parco ha bisogno di un concreto progetto di ripianificazione e rivalutazione del suo tema, al fine di portarlo al livello standard della Sua società.



Oltre a queste quattro categorie (Manutenzione, Tagli al budget, Cibo, Walt Disney Studios Park), c’è necessità di lavorare sull’ormai vecchio Disney Village, sulla qualità mediocre e sulla scarsa varietà del merchandising, sugli antiquati Hotel Disney, che offrono scarsi servizi a fronte di tariffe molto elevate.

Signor Iger, quanti guasti, attrazioni chiuse, esperienze negative e ospiti scontenti servono ancora prima che la The Walt Disney Company intervenga? Noi non comprendiamo perché, dopo tutti questi anni di problemi, la The Walt Disney Company (che possiede il 40% di Euro Disney S.C.A.) non ha ancora fatto nulla per modificare la struttura finanziaria di Euro Disney. La società fu creata dalla The Walt Disney Company ed è sempre stata finalizzata solo ad operare ad Euro Disney, proprio per diventare una società di successo e senza debiti. A Lei va bene che il brand Disney è offuscato dalla degradata, ma molto cara, esperienza a Disneyland Paris da parte di 740 milioni di cittadini europei? Noi non vogliamo credere che la Disney voglia intenzionalmente far tornare a casa i suoi ospiti europei con dei ricordi e delle esperienze non alla sua altezza.

Naturalmente ci sono molte cose positive su Disneyland Paris. Il design originale del 1992 è meraviglioso, i cast member sono cordiali e attenti, lo spettacolo serale Disney Dreams! è incredibile e il rinnovamento dei prossimi eventi di Halloween e Natale sembra molto promettente. Sfortunatamente la mancanza di attenzione da parte del management mette in secondo piano questi grandi punti di forza.

Signor Iger, Le chiediamo di rivedere il budget operativo per Disneyland Paris. Le chiediamo di non sottovalutare più il parco più bello che sia mai stato creato dai suoi Imagineers. Le chiediamo di ripristinare la qualità nel cenare al parco, di riportare nei teatri gli show dal vivo e gli spettacoli per strada, di sistemare i problemi non appena siano notati, di rivedere completamente il secondo cancello, di aprire nuove e divertenti attrazioni sia nel Walt Disney Studios Park che nel Parco Disneyland. Nessun rimedio rapido, ma una soluzione duratura ai problemi che hanno infestato il resort fin dalla sua apertura.

Walt Disney una volta ha detto “Disneyland non sarà mai completato, continuerà a crescere finché ci sarà ancora immaginazione nel mondo.” Dal 2005 Lei ha brillantemente salvato la Disney, anche con i programmi di salvataggio per Disney California Adventure e per Hong Kong Disneyland. Ora noi Le chiediamo di effettuare un altro salvataggio, quello di Disneyland Paris.

Cordiali saluti,



#SaveDisneylandParis



SIGN THE PETITION HERE!
Ultima modifica di Maite-nageur il lun ago 05, 2013 6:02 pm, modificato 3 volte in totale.