Ciao, per interagire con noi registrati o accedi al forum. Se vuoi rimanere aggiornato

Avatar utente
Messaggio Da Artea
#326434 Si ma solo perchè l'autotrada preferisce vendere i suoi spazi. Comunque in mezzo ai campi se ne vedono al limite della legalità. Anyway dal punto di vista della sicurezza stradale Movieland non corre pericoli, al più sará il comune a muoversi per mitigare il pericolo
Messaggio Da baba
#326462
MagicAngel94 ha scritto:È imponente si, nel senso che è grande rispetto a quello che ha attorno.
Ma comunque si confonde bene come ho spiegato prima


Stessi problemi ci furono anche con TRM giusto? Se è per questo arrivando a Gardaland da Lazise spicca sia oblivion che ovviamente flying island, che anche quest'ultima è in movimento quindi distrae sicuramente di più di un qualcosa di fisso.
In fin dei conti sono 47 persone... La democrazia tutela le minoranze, ma in italia scambiamo "tutela" con "dà ragione". Un dettaglio non da poco.
Avatar utente
Messaggio Da Marcello
#326468
baba ha scritto:In fin dei conti sono 47 persone...

Se non sono state seguite tutte le procedure previste, se il comune non è stato 'fiscale' per vari motivi, se i rilievi non rispettano le ultime normative (direttive, leggi, decreti, ...), basta anche una sola persona, se caparbia...
Report (RAI 3) docet.
Messaggio Da baba
#326470 Se non sono state seguite tutte le regole ne bastano anche zero di persone, ovvero basta un "semplice" controllo. La questione eventualmente è di chi sarebbe la responsabilità. Se il comune ha concesso delle autorizzazioni errate la colpa dovrebbe essere del comune, non del parco, e questo è un discorso generale anche se in italia spesso non funziona così.
Il mio riferimento al numero delle persone sta indicare che mi sembrano un po' pochini rispetto agli abitanti di pacengo/vicinanze. Avrebbero senso lamentele dei campeggi (come in passato mi sembra di ricordare ci siano state) o delle case che costeggiano il lato del parco dal lato di kitt...
Sarei curioso di sapere da dove arriva la petizione e da dove arrivano chi l'ha firmata.
Poi è chiaro che in una situazione economica del genere andare a penalizzare in questo modo una realtà così importante sarebbe abbastanza ridicolo, così come paragonare un'attività di questo tipo con uno che deve rifarsi il garage. In italia pretendiamo giustizia, legalità e correttezza, ma spesso e volentieri siamo noi i primi a non metterla in pratica
Avatar utente
Messaggio Da Artea
#326476 No non funziona così. Ti faccio un esempio, quando un Comune ti rilascia un permesso di costruire l'aderenza al regolamento edilizio, piuttosto che alle Norme Tecniche sull'igiene, le strutture, gli impianti resta una respposnsabilità del committente e del tecnico firmatario. I tribunali sono pieni di cause per abusi edilizi e gli uffici tecnici non vengono imputati, la legge parla chiaro. Fanno un controllo ma non si assumono la responsabilità di rispettare la norma, per questo sono pagati i tecnici incaricati dal committente.
Messaggio Da yesyesyes
#326481 la protesta arriva da quel gruppo di case che si trova prima di movieland sulla destra direzione Lazise. Pacengo è ben lontano il rumore proprio non si sente. Poi Gardaland è accettato perchè grosso e per la popolazione porta tante persone Movieland non lo è in quanto più piccolo
Avatar utente
Messaggio Da MrFacipieri
#326485 C'è anche caneva che porta persone, e i ristoranti...qui vogliono far cadere tutto..

Un giorno voglio proprio mettermi vicino alle case e sentire bene cosa si sente... sicuramente c'è anche la Hollywood tower che fa "casino"
Avatar utente
Messaggio Da ale hm 96
#326527 Io la scorsa estate ho abitato nel residence proprio sopra la collinetta di Movieland.
L'unica che si sentiva (ma in lontananza e dovevi farci caso) era la Tower con la sua mega frenata.
Tutto il resto tranquillissimo.
Messaggio Da baba
#326553
Artea ha scritto:No non funziona così. Ti faccio un esempio, quando un Comune ti rilascia un permesso di costruire l'aderenza al regolamento edilizio, piuttosto che alle Norme Tecniche sull'igiene, le strutture, gli impianti resta una respposnsabilità del committente e del tecnico firmatario. I tribunali sono pieni di cause per abusi edilizi e gli uffici tecnici non vengono imputati, la legge parla chiaro. Fanno un controllo ma non si assumono la responsabilità di rispettare la norma, per questo sono pagati i tecnici incaricati dal committente.


Però scusami, se io presento il progetto di diabolik e me lo approvano da un punto di vista dell'impatto ambientale ecc. ecc. Poi non è che possono saltar fuori con "qui non può stare"... se poi gli impianti sono fatti ad minchiam ok, ma almeno dal punto di vista di poterlo mettere lì dovrebbe essere ok
Avatar utente
Messaggio Da Artea
#326562 Distinguamo: al comune spetta il controllo dei parametri edilizi e urbanistici, la commissione del paesaggio (tecnici esterni al comune) compete un giudizio non vincolante (una specie di filtro per alleggerire il passaggio in sovraintendenza). Il parere della sovraintendenza è necessario e vincolante e riguarda appunto gli aspetti ambientali e dei beni storici.
Alcuni "vincoli" sono esplici, numericamente documentabili, come distanze, altezze, emissioni sonore, impatto sulle falde, o banalmente i divieti. Altri aspetti invece sono più soggettivi, uniformità e aderenza al territorio circostante, opere di compensazione e mitigazione, tutela del monumento (aspetto molto complicato nei restauri di monumenti) e sono più dicutibili e opinabili. Chiaro quindi che se il parco ha in mano una autorizzazione un minimo di garanzia ce l'ha, almeno sul secondo gruppo di vincoli, quelli non esplicitamente tabellati. Del tipo, la sovrantendeza mi può vietare l'uso di certi colori e consentire altri, e questo giudizio non dipende da tabelle o parametri espliciti; una volta autorizzata la pratica nessuno mi può contestare il colore di diabolik.
Quello che intendo dire è che se la norma prevede esplicitamente un limite, metti un altezza massima dei fabbricati di 40 mt e il Comune autorizza un progetto da 45 mt, ovviamente se non deroga esplicitamente e motivatamente ai codici, può succedere solo per disattenzione o ignoranza del tecnico che istruisce la pratica, in ogni caso la responsabilità civile e penale resta del progettista e del committente.

In pratica la legge non ammette ignoranza (da parte del committente o di chi opera per esso): tranne per argomentazioni particolari, soggette al una notevole componente soggettiva, al magistrato non puoi rispondere "me l'ha autorizzata il comune".

Detto questo è possibile chi Movieland abbia tutte le carte in regola per operare, dopo tutto è pieno il mondo di vicini dalle pretese infondate..
Ultima modifica di Artea il gio giu 18, 2015 11:42 am, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Messaggio Da birmano
#326565 sei stato molto tecnico e mi pare che sia anche tt corretto (sono un tecnico pure io :wink: ).
Ma cmq tranquilli che Movieland si è affidata ad un tecnico e avrà fatto tutto secondo le normative vigenti.
Per me nn ci sono pericoli che venga chiusa l'attrazione, anche perché la zona di p.r.g. in cui è collocata è adatta per quel tipo di attività (rumori delle attrazioni compresi).
se c'è una colpa è del comune che ha inserito una zona di p.r.g. atta alla costruzione di parchi divertimento in un contesto fortemente abitato. ma detto questo Movieland non ha colpa se cerca di incrementare la propria offerta.
Avatar utente
Messaggio Da peppe2994
#326573 Mai sentita cretinata maggiore sul discorso fonte di distrazione.
Come ha sottolineato Artea dovremmo abbattere tante cose visivamente molto più spettacolari e causa di distrazione prima, dai paesaggi ai monumenti.

Se le autorizzazioni ci sono tutte possono stare tranquilli da questo punto di vista. L'unico fattore delicato è il rumore. Se hanno rispettato i limiti di legge allora non vedo dove sia il problema, altrimenti la cosa è da prendere sul serio.